Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Everything happens for a reason
  • Everything happens for a reason
  • : Ci sono molte cose su cui riflettere e nessuna di cui preoccuparsi.
  • Contatti

Profilo

  • Alicante
  • Alla costante ricerca del "vero amore" che non vuol dire necessariamente una persona fisica, ma l'amore vero, naturale che gli altri chiamano più banalmente passione.
  • Alla costante ricerca del "vero amore" che non vuol dire necessariamente una persona fisica, ma l'amore vero, naturale che gli altri chiamano più banalmente passione.

Life isn't about waiting for the storm to pass,it's about learning to dance in the rain.

Cerca

Archivi

14 settembre 2011 3 14 /09 /settembre /2011 16:10

Questa sera ho amici a cena, era da un po' che volevo invitarli e finalmente ho fissato una data. Per evitare di fare le corse ho pensato di prendermi mezza giornata di ferie, ma alla fine ho preso un giorno intero, su suggerimento di un caro collega che mi ha fatto notare che con tutte le ferie che avanzo me ne potevo tranquillamente stare a casa. Perchè no mi sono detta, ne approfitto per fare un paio di commissioni al mattino. Premetto che mi piace cucinare, mi distrae, mi rilassa e mi entusiasma. Non a caso mi propino tutte le trasmissioni di cucina che fanno (ringraziamo il digitale terrestre). Ma veniamo al dunque, è dalle 11:30 di questa mattina che sto infornando, cucinando e correndo, risultato devo ancora dare una pulitina a casa, spostare un po' di cose per starci tutti (si perchè la mia reggia è moooolto piccola). Risultato sono già in speudo ritardo e stanca. La domanda è perchè voglio sempre strafare? Primo spendo sempre un patrimonio nel fare la spesa perchè ho un sacco di idee. Di quelle idee poi ne realizzo una parte, per questioni di tempo o solo perchè mi rendo conto che sto mettendo troppo in tavola. Quindi placate il mio entusiasmo vi prego! Seconda cosa cucino come una pazza e finisco per non godermi la cena perchè stanca morta. Terzo gli avanzi che rimangono nel mio frigo per qualche giorno e quanto non viene consumato finisce nell'immondizia (sono una sprecona....). Quarto e non ultimo per importanza odio riordinare. Però in tutto questo c'è un però, chi viene a cena da me solitamente non resta mai deluso e non vede l'ora di tornarci, non lo so se sono tutti supercomplimentosi o se invece sono bravina sul serio però lasciatemi questo momento di gloria! C'è anche da dire che ci sono situazioni in cui diventa difficile fare una cena, tipo se ci sono persone con intolleranze, fissazioni o che faticano a mangiare. In questi casi è un po' un guaio. Tipo stasera che aggiungerò dei banalissimi spaghetti al pomodoro. Mi sembra di sminuire l'ospite con una richiesta del genere, ma provenendo dall'interessato non posso dire di no. Concludo con il menù giusto per lasciare un piccolo segno di questa cena:

 

Aperitivo:

Spritz aperol e gingerino (per gli astemi)

 

Antipasti:

Bresaola in un letto di rucola e grana

Porchetta trevigiana con il bovis

Prosciutto cotto con ananas

Salsiccia all'aceto balsamico e uva

Formaggi con pere

Stuzzichini con mini salamini, olive e mini wusterl

Vou-le-vent al gongorzola e noci

Anelli di cipolla

 

Primi:

Pizzoccheri

Pasta al sugo di salsiccia e funghi (pomodoro su richiesta)

 

Dolci:

Mini panna cotta al cafffe

Pasticcino di frolla con crema al cioccolato bianco (se la crema si indurisce....)

Cannolo di sfoglia ocn la crema pasticcera

 

Il tutto accompagnato con due vini a tema con i pizzoccheri perchè valtellinesi: inferno e sassella.

 

Bon apetit

Condividi post

Repost 0

commenti