Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Everything happens for a reason
  • Everything happens for a reason
  • : Ci sono molte cose su cui riflettere e nessuna di cui preoccuparsi.
  • Contatti

Profilo

  • Alicante
  • Alla costante ricerca del "vero amore" che non vuol dire necessariamente una persona fisica, ma l'amore vero, naturale che gli altri chiamano più banalmente passione.
  • Alla costante ricerca del "vero amore" che non vuol dire necessariamente una persona fisica, ma l'amore vero, naturale che gli altri chiamano più banalmente passione.

Life isn't about waiting for the storm to pass,it's about learning to dance in the rain.

Cerca

Archivi

19 marzo 2012 1 19 /03 /marzo /2012 21:02

Oggi è la festa del papà e per la prima volta sono distante da lui, ci siamo visti ieri, mentre oggi ci siamo sentiti solo per telefono, ma gli auguri per telefono sono diversi nonostante io resti la solita pagliaccia. L'esordio è stato "Auguri signorino!" e lui "Grazie per il signorino" e si è fatto una sana risata. Poco più tardi mentre tornavo a casa mi ritrovo a chiedermi se l'anno prossimo potrò ancora fargli gli auguri o se quell'orrendo male che lo sta silenziosamente consumando se lo sarà portato via da me. Poi i miei pensieri cominciano a correre nelle direzioni più sparse, dal fatto che questi sono giorni cruciali, che a breve avremmo una sentenza. Che qualsiasi sia la sentenza so che non mi piacerà perché avrò paura. Ci sono troppe variabili, troppe incertezze, troppi aspetti negativi. Dall'altro lato non riesco ad accettare che non ci sia una possibilità, mi dico che dobbiamo farcela anche questa volta, perché ci sono tante cose che mi deve ancora insegnare, ci sono troppe cose che io devo ancora dirgli, voglio che se mai avrò dei figli possano chiamare "nonno" come faccio scherzosamente io quando lo chiamo. Poi i pensieri tornano a ieri, in quella stanza di ospedale dove abbiamo avuto qualche ora di intimità familiare. Mi ritrovo ad ascoltare i soliti discorsi, sentiti mille volte sull'inizio della storia tra lui e mia madre, ma questa volta è diverso, questa volta sono ingorda, voglio conoscere i particolari, le sensazioni, i colori dei quei momenti che invece sono solo loro, ma ai quali mi aggrappo perché ora i ricordi valgono di più. Quando senti che qualcuno ti sta scivolando fuori dalle mani qualsiasi istante che passe con lui ha più valore e vorresti solo congelarlo li per sempre nei cassetti della tua memoria perché non si perda mai. Perché è inutile negarlo ma pensi che potrebbe essere l'ultimo. Tutto il resto delle cose che ti avrebbero fatto incazzare a morte perdono valore e riesci a passarci sopra e sembrare paziente. Invece le persone non capiscono che stai annaspando e non prendi nemmeno in considerazione che quello di cui ti parlano confronto al resto sono solo delle emerite michiate.

Ripenso a ieri, guardo i miei e penso ad una vita passata insieme e mi chiedo come il destino possa anche solo pensare di separarli dopo tutto quello che hanno passato e sofferto insieme. Di come si sono sostenuti a vicenda anche davanti al dolore più grande che è la perdita di un figlio. Non mi faccio le solite domande sul perchè il destino è così crudele o se esiste un Dio. Mi chiedo semplicemente deve andare per forza così?

Condividi post

Repost 0

commenti

Emanuela 03/30/2012 19:36

Cara,
anche il mio papino era un golosone! Oddio, era una buona forchetta dall'antipasto al dolce, in verità...! ghghgghgh
Coraggio, anche la notte più lunga deve cedere il passo all'alba!

Emanuela

Alicante 03/30/2012 20:29



Oh ma anche il mio non si tira indietro!


Grazie per la massima, è molto bella.



la_zia 03/27/2012 09:09

Veramente ti avevo mandato 3 cuoricini, ma sniff uff non si visualizzano...

Alicante 03/29/2012 20:34



Mi stai diventando sentimentale? hi hi scherzo. Grazie invece che ci sei sempre.



Emanuela 03/25/2012 23:32

Cara,
per me è difficile trovare le parole che servono in questo momento della tua vita. Vorrei dirti che è importante guardare all'oggi senza farsi travolgere troppo dall'ansia del domani. Che le
incertezze che vedi tu nella vita di tuo padre sono quelle che in realtà abbiamo tutti perchè tutti abbiamo un'unica, sola malattia incurabile: la nostra mortalità. Che è di tutti. La malattia che
ha colpito tuo padre gli regalerà ancora molti giorni di benessere anche nel caso in cui le parole dei medici non dovessero lasciare presagire niente di buono. Te lo dico con certezza, cara. E
cerca di vedere tuo padre, non solo la malattia che lo ha colpito. Non focalizzare l'attenzione solo sul "quanto gli resta", ma su come lo vivrete. E poi, sai, qualche volta accadono anche cose
inspiegabili per la scienza. Qualcuno li chiama miracoli...

Un abbraccio
Emanuela

Alicante 03/26/2012 21:32



Grazie per le tue parole, sto cercando di vivere al meglio che possiamo questi giorni, passando molto tempo con lui e cercando di non fargli mancare nulla, tipo che sai è un golosone... le cose
semplici che poi sono quelle che rendono la vita più vera.



la_zia 03/25/2012 05:32

Befana,

Alicante 03/26/2012 21:32



'zie