Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Everything happens for a reason
  • Everything happens for a reason
  • : Ci sono molte cose su cui riflettere e nessuna di cui preoccuparsi.
  • Contatti

Profilo

  • Alicante
  • Alla costante ricerca del "vero amore" che non vuol dire necessariamente una persona fisica, ma l'amore vero, naturale che gli altri chiamano più banalmente passione.
  • Alla costante ricerca del "vero amore" che non vuol dire necessariamente una persona fisica, ma l'amore vero, naturale che gli altri chiamano più banalmente passione.

Life isn't about waiting for the storm to pass,it's about learning to dance in the rain.

Cerca

Archivi

30 gennaio 2013 3 30 /01 /gennaio /2013 21:08

Lo so alla fine mi ripropongo sempre di fare blog simpatici, di scrivere di cose belle, leggere, magari un po' frivole, ma quelle invece finisco con il viverle e mi trovo davanti al foglio bianco con un impellente voglia di sfogarmi solo quando vedo delle cose storte che fatico a digerire.

Oggi sono stata al funerale del papà di una collega. Una collega che conosco da parecchi anni ma che per motivi di lavoro in quest'ultimo periodo ho intensificato un po' di più i rapporti. Davanti a una tragedia come la morte di un genitore non riesco ad essere indifferente, così con una collega ci siamo prese un permesso e siamo andate al funerale. Fino a qui nulla di strano direi. La parte che mi ha lasciata, perplessa, delusa e amareggiata e vedere che ne il suo capo, ne il capo del suo capo (che fino a poco tempo fa era il suo capo diretto) si sono presentati. Il capo del capo alla mia domanda "ma tu non vieni?" mi ha risposto "non ce la faccio sono incasinato".

Ora lo so che siamo un azienda grande, che ci sono impegni, scadenze e bla bla bla. Ma purtroppo io credo ancora che l'azienda sia fatta di persone, voglio credere di non essere solo un numero, non posso pensare di essere considerata solo merce di scambio, ma davanti a tutto questo non posso che ricredermi. La reputo una questione di rispetto, di principio, di buon gusto. Partecipare in un momento così triste mi sembrava il minimo quando per tutto l'anno mentre viveva una situazione così triste non hai fatto altro che chiedere e chiedere e chiedere. Non fare le ferie ad agosto perché sai c'è un progetto grosso. Il giorno prima dell'inventario lavora fino alle 22 perché qualcuno si fa le pippe mentali. Quest'anno ti diamo anche il diplomino perché sei stata brava e te lo meriti. Poi non hai tempo per farmi onore in una situazione così triste, ma che cavolo ha sta gente dentro la testa? Pipi?

Lo so alla finetutto si riduce a un baratto, io do il mio lavoro e tu mi dai uno stipendio tutti i mesi. Ma se oltre al mio lavoro meccanico, alla mia professionalità, ti do del valore aggiunto, dell'affidabilità, della passione di ritorno vorrei solo un briciolo di umanità. Io sacrifico il mio tempo per te, tu rinuncia a una riunione per me. Questo si chiama equo scambio, questo si chiama convivere, questo si chiama instaurare rapporti solidi che sorpassano anche i momenti difficili lavorati e non.

Ora che ho vuotato il sacco non cambierà assolutamente niente, ma mi sembrava giusto fare delle riflessioni ad alta voce. Ogni tanto aiuta a schiarirsi le idee e a ritrovare il proprio posto nel mondo. Sono solo una dipendente sul lavoro, ma nel mondo sono una persona sincera.

 

Condividi post

Repost 0

commenti